Mettiamoci una toppa

La manutenzione è considerata un costo. Diversamente da una nuova realizzazione che è considerata un investimento. Tutte le moderne corporations, ma anche le amministrazioni pubbliche, hanno il medesimo approccio a questa questione: massima apertura alle nuove opere, portafogli chiusi per le spese di manutenzione. Sembra che tutti i manager del nostro tempo abbiano studiato come gestire le imprese sul medesimo libro di testo.

Pensiamo alle nostre città, ai monumenti, alle nostre industrie (una a caso mi viene in mente la Tyssen), ai nostri ospedali, alle reti (linee telefoniche, fogne, acquedotti): soffrono tutte di problemi per scarsa manutenzione. Quando piantiamo un lampione o inauguriamo una nuova fontana non dobbiamo considerare il solo costo per la realizzazione delle opere, ma anche che ogni 5000 ore ci toccherà di cambiare una lampadina in più e che ogni mese ci toccherà ripulire il fondo di una vasca piena di inctostazioni.

Io considero il problema della manutenzione alla base delle disgrazie del nostro paese. Parto da un particolare per parlare di un tema generale: con un’immagine che potrebbe sembrare stupidissima voglio illustrare ciò che intendo. Quella che segue e la foto di un fondo stradale di recente rifacimento realizzato con autobloccante in cemento, ma che è stato riparato alla bell’e meglio con un po’ di asfalto: 

7d6ae5d26834c340768907137d509b1b.jpgquesto genere di interventi è stato fatto anche su fondi più antichi e pregiati in acciottolato o in porfido, ma questo esempio è più eclatante in quanto si tratta di una strada rifatta pochissimi anni fa.

 

Riequilibriamo le spese adattandole alle nostre disponibilità, al nostro portafoglio: non mettiamo gli autobloccanti se poi non abbiamo i soldi per sostituirli, non comperiamoci una Mercedes per fare i fanfaroni se poi non abbiamo i soldi per sostituire le costosissime gomme ribassate e ci dobbiamo adattare ad acquistare dei pneumatici ricoperti. Comperiamoci un’onestissima e dignitosissima Panda e teniamola in maniera decorosa. Facciamo le cose semplici e, semplicemente, abbiamone cura.

 

 

 

Mettiamoci una toppaultima modifica: 2008-03-27T22:25:00+01:00da maxfabbri
Reposta per primo quest’articolo